Il Vaticano rafforza la presenza della sua TV, ma sarà lo Stato italiano a pagare il conto di 2,15 milioni annui

da Gayburg — 4 luglio 2016 alle 11:17

Il Vaticano ha ricevuto dall'Italia una frequenza televisiva su scala nazionale che avrà una capacità di trasmissiva di ben 4 megabyte al secondo (ossia il 25% più potente di quanto oggi non sia ad esempio da Canale 5 ). La connessione resterà in essere sino al capodanno del 2032 e sarà affidata alla società Persidera  ad un costo di 2,15 milioni di euro all'anno. Cifra che sarà pagata interamente dallo Stato italiano e non dalla Santa Sede. Dietro l'ennesimo inghippo a favore della Chiesa Cattolica c'è il contratto firmato nel 2009 da Paolo… Continua »

Scrivi un commento