L'Osservatore Romano sentenzia che i bimbi dei gay siano «più fragili». Ma poi emerge che la causa sono quei cristiani che li deridono e li bullizzano

da Gayburg — 4 luglio 2017 alle 17:45

Ancora una volta l' Osservatore Romano  si è gettato a capofitto in una crociata contro l'omogenitorialità, dichiarando che «è davvero difficile sostenere che non esista alcuna differenza tra i figli di famiglie eterosessuali e quelli di famiglie omosessuali». Lasciando intendere che sia ovvio che un figlio cresca meglio in una famiglia eterosessuale, l'ipocrisia del quotidiano pare diventare insopportabile a fronte di come poi spieghino che il «rapporto più difficile sia soprattutto con i coetanei, che spesso sottopongono i figli di coppie… Continua »

Gayburg

Scrivi un commento