Mauro Coruzzi a Belpietro: «Io dico no alla stepchild adoption»

da Gayburg — 31 luglio 2019 alle 11:19


«I gay ovunque sono il nuovo conformismo». Così Mauro Coruzzi, in arte Platinette, è tornato a vomitare omofobia dalle pagine del quotidiano di Maurizio Belpietro. Ricorrendo ad un misto di vittimismo e di odio verso le famiglie, ha dichiarato pure: «Se dissenti sul gay pride sei tagliato fuori. La legge sull'omofobia è merito di Alessandra Mussolini e Mara Carfagna, non di Vladimir Luxuria che ha usato il Parlamento per rifarsi le tette. Continua »

Gayburg

Scrivi un commento