Non riconoscono che i gay abbiano un posto nei progetti di Dio, ma sino al 1563 non disconoscevano neppure che la donna avesse un'anima

da Gayburg — 25 giugno 2018 alle 11:57

La Chiesa Cattolica ha avuto bisogno del Concilio di Trento per riconoscere che le donne avessero un'anima. Prima di allora le si considerava un oggetto, utili solo a dare piacere al maschio o per la produzione di figli. Nulla di più. A 455 anni di distanza da allora, ci sono ancora personaggi alla Gandolfini che si battono perché Dio possa essere utilizzato come pretesto per negare loro pari dignità. Il ministro leghista Fontana dice debbano essere usati come incubatrici umane adibite alla produzione di figli da donare alla Patria, Adinolfi… Continua »

Gayburg

Scrivi un commento