Salvini voterà contro sé stesso: in difesa del razzismo di Orban, chiederà impunità per chi ignorerà le sue richieste all'Europa

da Gayburg — 12 settembre 2018 alle 1:35

Se è pur vero che Matteo Salvini non ha mai nascosto la sua strenua ammirazione per le politiche razziste di Viktor Orban e di chiunque usi la paura contro i migranti per fini elettorali, appare assai contraddittorio come voglia opporsi alle sanzioni verso l'Ungheria. Sostenendo che il razzismo sia una forma di «difesa» della purezza della razza di un popolo (che nella sua mente evidentemente vede i suoi migliori esemplari in padani di pura razza come Borgezio o Pillon) e sostenendo che il futuro dell'Europa si basi sulla sua disgregazione e… Continua »

Gayburg

Scrivi un commento