Sgarbi cerca visibilità sulla pelle dei bimbi di Bibbiano: per lui il "delitto" non sono gli abusi ma le lesbiche

da Gayburg — 12 settembre 2019 alle 17:17


Se la coppia affidataria fosse stata eterosessuale, i fatti di Bibbiano sarebbero stati meno gravi. È quanto sostiene Vittorio Sgarbi, evidenziando come alle destre non freghi nulla di quei bambini ma solo di come poterli utilizzare per trarre un profitto personale. Riproponendo la tesi leghista per cui «naturale» sarebbe sinonimo di «eterosessuale», l'esponente di estrema destra scrive: Dato che odio chiama odio, l'affermazione di Sgarbi ha galvanizzato i leghisti e i neofascisti, in fila ad ostentare svastiche e croci celtiche. Continua »

Gayburg

Scrivi un commento