Troye Sivan spiega come il cinema e i media lo abbiano aiutato ad accettarsi

da Gayburg — 16 maggio 2018 alle 18:00

Mario Adinolfi chiede ossessivamente un divieto a qualunque rappresentazione mediatica dei gay. A spiegarci come fine delle sue richieste sia un mondo in cui gay e lesbiche vengano spronate all'odio verso sé stessi sono le tante testimonianze di chi ha dovuto superare il muro di pregiudizi creato dal fondamentalismo. Tra loro anche quella dell'attore e cantante Troye Sivan, il quale racconta ad  Attitude Magazine che: Quando avevo circa cinque anni, ricordo di aver avuto paura, perché sapevo che c'era qualcosa di diverso in me. Continua »

Gayburg

Scrivi un commento